Protetto: Il Salotto di Alessandra Broggiato

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

Controluce

Controluce Vaiano (Toscana), 06 marzo 2019.   Prosegue con “Controluce” il mio progetto del mercoledì mattina. Ero in Toscana il 6 marzo e all’alba, uscendo, mi sono trovato immerso nella primavera: fiori, api, bocci, qualche ragnatela, insomma,  la vita che rinasce in tutte le sue forme.   Mi trovo a pubblicare le foto stamani 8 marzo ma non vedrete mimose, dove stavo scattando non ce n’erano (…) e comunque, anche se le avessi fotografate, molto probabilmente non le avrei pubblicate. Trovo piuttosto riduttivo simboleggiare tutte le Donne  sotto un unico fiore (la mimosa appunto): non basterebbero tutti i fiori per raccontarle.   Dedico comunque queste foto in Controluce tutte le Donne ed in particolare a quelle, straordinarie, che ho la fortuna di avere vicino…   L.                     © Leonardo Ferri photographer – tutti i diritti riservati Il sito dispone di programmi di tracciamento dei download: l’uso non autorizzato delle immagini è punibile per legge  in quanto violazione dei diritti d’autore e della legge sulla privacy.    

Spring, at all

Spring. La primavera torna uguale a se stessa ogni anno, ma quando esplode avviene sempre in modo imprevedibile, inaspettato: forse perchè siamo noi a cambiare e ad osservarla in modo differente? Questo accade ovunque un ciliegio capriccioso abbia deciso di piantare le sue radici e stupire, un punto bianco in mezzo ad un universo marrone… questo accade al Parco di Sigurtà, a Valeggio sul Mincio: chi non ci fosse mai stato, mèditi di farlo proprio in questo periodo… ne vale davvero la pena. L. “Giochi ogni giorno con la luce dell’universo. Sottile visitatrice, giungi nel fiore e nell’acqua. Sei più di questa bianca testina che stringo come un grappolo tra le mie mani ogni giorno. A nessuno rassomigli da che ti amo. Lasciami stenderti tra le ghirlande gialle. chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud? Ah lascia che ricordi come eri allora, quando ancora non esistevi. Improvvisamente il vento ulula e sbatte la mia finestra chiusa. Il cielo è una rete colma di pesci cupi. Qui vengono a finire i venti, tutti. La pioggia si denuda. Passano fuggendo gli uccelli. Il vento. Il vento. Io posso lottare solamente contro la forza degli uomini. […]