Spring, at all

Spring.

La primavera torna uguale a se stessa ogni anno, ma quando esplode avviene sempre in modo imprevedibile, inaspettato: forse perchè siamo noi a cambiare e ad osservarla in modo differente?

Questo accade ovunque un ciliegio capriccioso abbia deciso di piantare le sue radici e stupire, un punto bianco in mezzo ad un universo marrone… questo accade al Parco di Sigurtà, a Valeggio sul Mincio: chi non ci fosse mai stato, mèditi di farlo proprio in questo periodo… ne vale davvero la pena.

L.

Leonardo-Ferri-photographer_blog_spring_MG_4099

“Giochi ogni giorno con la luce dell’universo.

Sottile visitatrice, giungi nel fiore e nell’acqua.
Sei più di questa bianca testina che stringo
come un grappolo tra le mie mani ogni giorno.

A nessuno rassomigli da che ti amo.
Lasciami stenderti tra le ghirlande gialle.
chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud?
Ah lascia che ricordi come eri allora, quando ancora non esistevi.

Improvvisamente il vento ulula e sbatte la mia finestra chiusa.
Il cielo è una rete colma di pesci cupi.
Qui vengono a finire i venti, tutti.
La pioggia si denuda.

Passano fuggendo gli uccelli.
Il vento. Il vento.
Io posso lottare solamente contro la forza degli uomini.
Il temporale solleva in turbine foglie oscure
e scioglie tutte le barche che iersera s’ancorarono al cielo.

Tu sei qui. Ah tu non fuggi.
Tu mi risponderai fino all’ulitmo grido.
Raggomitolati al mio fianco come se avessi paura.
Tuttavia qualche volta corse un’ombra strana nei tuoi occhi.

Ora, anche ora, piccola mi rechi caprifogli,
ed hai persino i seni profumati.
Mentre il vento triste galoppa uccidendo farfalle
io ti amo, e la mia gioia morde la tua bocca di susina.

Quanto ti sarà costato abituarti a me,
alla mia anima sola e selvaggia, al mio nome che tutti allontanano.
Abbiamo visto ardere tante volte l’astro baciandoci gli occhi
e sulle nostre teste ergersi i crepuscoli in ventagli giranti.

Le mie parole piovvero su di te accarezzandoti.
Ho amato da tempo il tuo corpo di madreperla soleggiata.
Ti credo persino padrona dell’universo.
Ti porterò dalle montagne fiori allegri, copihues,
nocciole oscure, e ceste silvestri di baci.
Voglio fare con te
ciò che la primavera fa con i ciliegi.”

(Pablo Neruda)

 

Leonardo-Ferri-photographer_blog_spring_MG_4109

Leonardo-Ferri-photographer_blog_spring_MG_4098

Leonardo-Ferri-photographer_blog_spring_MG_4104

Leonardo-Ferri-photographer_blog_spring_MG_4112

Leonardo-Ferri-photographer_blog_spring_MG_4115

 

 

 

 

 

About the Author:

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *